Iscriviti alla Newsletter Gratuita!

Riceverai i nuovi post e subito in regalo per te,
l'estratto della mia guida "Bellezza Secondo Natura"

Comunicazione Non Violenta: Usarla per Rafforzare il Legame Genitore-Figlio

articolo pubblicato da il settembre 20, 2010

MotherAndChildTutti i genitori vogliono rinforzare il legame che hanno con i loro figli.

Formare una connessione con tuo figlio sin dall’inizio può creare un legame durevole ed aiutare ad aprire perfettamente il canale della comunicazione.

Alcuni esperti ritengono che quando si è genitori non c’è miglior forma di comunicazione che la comunicazione non violenta.

Questo articolo tratta le basi della comunicazione non violenta e fornisce suggerimenti utili su come applicarla nella tua vita familiare.

 

COS’E’ LA COMUNICAZIONE NON VIOLENTA?

Cnv sta per comunicazione non violenta è alla base c’è il principio che le persone possono ascoltarsi con empatia e compassione e senza giudizi critici.

Questa forma di comunicazione nasce dalla reale volontà di rispettare i bisogni ed i sentimenti di tutti i membri della famiglia.

Esempi di comunicazione non violenta nella vita di tutti i giorni:

Una situazione tipica in molte case con bambini piccoli è che si crei il caos.

Immagina la fine di una lunga giornata, la mamma ha ancora un milione di cose da fare prima di mettere a letto i bambini.

Entra nella stanza dei bambini e trova pennarelli sul pavimento, carta dappertutto, giocattoli, costruzioni…un disastro.

Nell’immaginario comune sarebbe facile e comprensibile che la mamma si arrabbi e si sfoghi.

Potrebbe dire cose tipo “questa stanza è un porcile e mi fa arrabbiare!” “da dove viene fuori tutto questo disordine? Non ce la faccio più” e “non si va a letto fino a che questa stanza non sarà in ordine!”.

La mamma si stresserà moltissimo e potrebbe perfino urlare e sembrare molto arrabbiata.

Ora immagina lo stesso scenario ma applica la CNV. In questo caso la mamma farebbe un profondo respiro alla vista della stanza.

Poi direbbe a se stessa: “la stanza è in disordine, ma non è la fine del mondo” o “c’è qualche pennarello, foglio di carta e giocattoli sul pavimento, ma tutto si può rimettere a posto in poco tempo e potremo continuare la nostra serata”.

CNV ti aiuta a guardare le situazioni da un’altra prospettiva, perché anche se una stanza è in disordine non è la fine del mondo ma, poiché molti di noi sono stressati dalla vita moderna, è facile perdere la nostra freddezza di fronte ad una stanza in disordine.

CNV ti aiuta a vincere queste emozioni e a guardare tutto da una prospettiva migliore.

 

LEGAMI ATTRAVERSO LA COMUNICAZIONE NON VIOLENTA.

Usare la CNV nella vita di tutti i giorni ti aiuterà in modo naturale a legarti al tuo bambino ed a costruire con lui rispetto reciproco.

Comunque non significa che i bambini possono fare tutto quello che vogliono ma che semplicemente in ogni situazione tu ti fermi a pensare ed a capire perché il tuo bambino si comporta in determinati modi.

Per esempio la sua reazione sarà più bendisposta se tu chiedi ad un bambino “per favore metti a posto i pennarelli ed i fogli di carta, rimarrà tempo per una favola prima di andare a dormire”, che se gli urli “metti immediatamente in ordine la stanza o stasera niente favola!”

Anche se ci sono molti aspetti differenti della CNV, il suo principio fondamentale sta nella costruzione del rispetto, della fiducia e della comprensione all’interno della famiglia – e questa può essere solo una cosa buona, per tutti quelli coinvolti.

 

Al benessere della tua famiglia,

Graziella

 

RISORSE UTILI: 

Libro “Genitori con il cuore”. I bambini si comportano così come vengono trattati.

Libro “Besame Mucho”. Come crescere i vostri figli con amore.

Ecco cosa ti consiglio

Affrontare le Sfide per Crescere Bambini Sani
Pannolini Lavabili: Perchè Sceglierli!?
7 Alternative alle Sculacciate ed alle Pratiche Educative Severe
I Ragazzi Diventano Ecologisti
Come Liberare la Cameretta dei Bambini dalle Sostanze Tossiche
Allevare Bambini Senza Catene in un Mondo Moderno

Comments (2)

 

  1. roberta scrive:

    Ciao Graziella, leggo solo ora questo utilissimo tuo articolo e mi serve molto in questo periodo in cui il mio bimbo è molto capriccioso…e veramente ogni tanto penso di non avere piu’ pazienza….è difficile avere fermezza…contare fino a CENTO….
    io faccio quello che scrivi ma …spesso mi sembra di parlare con un muro…
    hai altre fonti che parlino di capricci…come affrontarli….
    grazie ancora x i mille consigli che ci dai
    Roberta

  2. Ciao Roberta!
    Piacere di risentirti!.
    Hai ragione, a volte contare fino a 100 può non bastare…
    Ti passo il link al sito dove io acquisto tutti i miei libri e ti ho già selezionato una serie di libri scritti proprio per risolvere il tuo problema.
    clicca qui
    Buona lettura

    Ciao
    Graziella

Lascia un commento

;