Iscriviti alla Newsletter Gratuita!

Riceverai i nuovi post e subito in regalo per te,
l'estratto della mia guida "Bellezza Secondo Natura"

Il Sole e la Pelle dei Nostri Bambini: Ecco Come Proteggerla

articolo pubblicato da il maggio 24, 2010

bambini e soleIL SOLE AMICO – NEMICO

Il sole ha risvolti positivi sulla nostra vita, migliora l’umore e promuove la formazione della vitamina D. Quest’ultimo aspetto risulta di particolare importanza per i bambini “in crescita”, poichè la vitamina D è coinvolta nei meccanismi di assorbimento del calcio dagli alimenti e favorisce la calcificazione e la formazione di nuovo tessuto osseo.

I raggi ultravioletti emanati dal sole, quindi fanno bene anche ai piccoli, a patto di usare le dovute precauzioni (soprattutto in seguito all’assottigliamento dello strato di ozono!).

Infatti, la melanina (che è prodotta da cellule cutanee chiamate melanociti), agisce come “filtro solare naturale”, in quanto assorbe una parte dei raggi ultravioletti dannosi, impedendone l’arrivo alle cellule cutanee interne (in particolare gli UVB).

Nel bambino (rispetto all’adulto) i melanociti sono “immaturi” e, di conseguenza, anche la capacità di produrre melanina è ridotta. La pelle dei piccoli, in particolare da 0 a 3 anni, è facilmente esposta ad alti rischi di insolazione e di assorbimento di raggi ultravioletti estremamente pericolosi, poichè degenerativi sulle cellule e sulle strutture cutanee in generale.

La pelle del bambino, inoltre, non dispone di tutti i sistemi di rigenerazione cellulare delle strutture danneggiate dai raggi ultravioletti tipici dell’età più “matura”.

Non sono nemmeno completamente attivi i meccanismi di difesa immunitaria cutanei utili nella riparazione dei danni da sole; questo perchè, le cellule cutanee non hanno ancora sviluppato una “memoria” per difendersi dal sole.

Infatti, per i bambini di età inferiore a un anno di sole diretto sulla pelle non se dovrebbe neppure parlare!.

Per preparare la pelle al sole, in particolare al di sotto dei 3 anni, è sempre opportuno attenersi a comportamenti sicuri, ponendo una grande attenzione al sole. Rispettare i tempi dei naurali processi fisiologici di difesa è fondamentale soprattutto per la prima esposizione dopo il periodo invernale, durante la quale i meccanismi di difesa dal sole sono rimasti “a riposo”.

Per abituare la pelle ai raggi solari occorre esporla gradualmente, seguendo la personale natura e sensibilità cutanea. Nei primi giorni sono sufficienti pochi minuti con un’adeguata protezione. Poi, quando la melanina neoformata inizia a comparire (solo a distanza di 72 ore dalla prima esposizione), si possono allungare i tempi di permanenza.

La pelle “ringrazierà” delle attenzioni, sia a breve termine, non presentando scottature ed eritema solare, sia a lungo termine. Infatti, i processi di invecchiamento cellulare cutaneo sono fortemente accelerati dall’eccesso di radiazioni ultraviolette, perciò sulla pelle ben protetta ed esposta al sole con “buon senso” comparirà un minor numero di rughe e, negli anni, queste saranno meno profonde.

Si avranno anche una quantità inferiore di “macchie” e una probabilità ridotta di sviluppare un melanoma (tumore maligno della pelle). L’80% dei tumori della pelle, infatti, è legata proprio a scottature solari prese da piccoli. La pelle ha una “memoria del danno”. E le conseguenze si pagano anche dopo 30 o 40 anni!. 

 

IL FATTORE DI PROTEZIONE SOLARE E LA SUA INTERPRETAZIONE

Il fattore di protezione solare è un numero che esprime la capacità protettiva di un cosmetico nei confronti dei raggi ultravioletti di tipo UVB, responsabili della comparsa dell’eritema solare.

Si deve sempre tenere presente che, mentre il fattore di protezione si calcola in locali appositamente allestiti con lampade a emissione di raggi ultravioletti con una precisa energia e lunghezza d’onda, la situazione che si verifica all’esterno, sotto i raggi solari naturali, è totalmente differente.

Nella maggior parte dei casi, la protezione effettiva del cosmetico è inferiore a quella riporatata in etichetta. Tra le variabili da considerare, quelle che incidono maggiormente sono l’ora del giorno, la latitudine e le caratteristiche ambientali (per esempio, la superficie riflettente incide molto – infatti anche la sabbia riflette il sole, ed è per questo che anche sotto l’ombrellone ci si abbronza lo stesso!).

Esistono inoltre variabili individuali non irrilevanti, come la quantità di crema applicata sulla superficie cutanea, la perdità di prodotto in seguito a sudorazione, l’assorbimento cutaneo ed eventuali bagni o docce.

 

LE CREME SOLARI PER IL BAMBINO

Per la scelta del cosmetico solare è opportuno puntare sulla qualità, in tutti i sensi. I prodotti da privilegiare sono quelli a protezione totale, meglio se costituiti da emulsioni di tipo A/O, garantiti dal punto di vista dermatologico e sui quali sono stati eseguiti seri studi clinici.

E’ bene ricordarcelo: i cosmetici solari non sono tutti uguali!. Oltre a differenziarsi per il prezzo, la confezione e la marca, sono completamente diversi in base alla composizione chimica.

In alcuni prodotti di scarsa qualità sono presenti filtri chimici con risvolti addirittura dannosi: possono infatti facilitare la comparsa di eritemi (davvero il colmo!). Certi cosmetici solari, liberamente venduti e ampiamente utilizzati in Italia, in Paesi più restrittivi come il Giappone non potrebbero nemmeno varcarne il confine!.

E quindi davvero molto importante investire in una valida crema solare e cercare di evitare quelle con ingredienti potenzialmente dannosi. Un’ottimo sito dove puoi trovare delle creme solari veramente “naturali” (e tantissimi altri prodotti pei i nostri bambini), è http://www.ipiccolissimi.it/root/catalogo.php?tipologia=1&idMacro=52.

Ci sono tantissimi altri accorgimenti che dovresti adottare per tutelare al massimo la pelle di tuo figlio sotto il sole (cappellino ampio, occhiali con lenti scure, far bere molto il bambino nel corso della giornata, un’eventuale maglietta bianca quando gioca in riva al mare, ecc…), ma sicuramente l’esempio di noi genitori, non può che essere un ottimo incentivo per godere del sole in tutta sicurezza! 😉

 

Fonte articolo: la maggior parte dell’articolo è stato tratto dal libro “La Pelle del Bambino” di Giulia Penazzi. Un valido testo, molto pratico, dedicato interamente alla cura della pelle del bambino da 0 a 12 anni. Trovi tante indicazioni (schede pratiche, ricette, ecc..) di grande aiuto, divise in base all’età e quindi alle diverse necessità del bambino, per costruire la base ideale affinchè tuo figlio cresca sano ed equilibrato.  

Al benessere del tuo bambino,

Graziella

Ecco cosa ti consiglio

I Benefici della Marsupioterapia
Antibiotici: I Pro e i Contro
Il Tuo Bimbo Non Vuole Dormire Nella Sua Stanza? Soluzioni Pratiche Suggerite dal Feng Shui per la C...
30 Modi per Disintossicare la Tua Casa ed il Tuo Corpo
Alimenti che Prevengono e Curano le Malattie Infantili
Capricci e Salute: Segui Anche Tu Queste 2 False Credenze?

Comments (6)

 

  1. eufemia scrive:

    Grazie!!!..vado subito a vedere il riferimento che hai dato…ps.è nata Anita,la nipotina che stavamo aspettando!…Ho dato tutte le tue indicazioni riguardo all’allattamento…speriamo bene!
    A proposito invece di semi…Ho acquistato recentemente dei semi di lino(per dolori premestruali)…ed ero intenzionata a farli germogliare nelle vaschette bucherellate di plastica della verdura…ma con insuccesso(dopo 3 giorni,è ammuffito tutto..così ho dovuto gettar tutto via)…Si possono utilizzare nelle insalate?vanno messi a bagno prima di utilizzarli?…e che differenza c’è tra quelli lucidi più scuri e quelli più chiari e opachi?Ancora grazie!!!!!!!!!!Eufemia.

  2. Benvenuta ANITA!. 😉 Un grosso in bocca al lupo per l’allattamento…

    Per il discorso dei semi di lino, certo che li puoi utilizzare nelle insalate (io li messo spesso), ma anche nelle frittate, nelle minestre, ovunque insomma, e non hai assolutamente bisogno di metterli a mollo. Sono perfetti così come sono….se vuoi li puoi tostare.

    La differenza tra i vari colori dei semi è puramente una differenza visiva, perchè a livello di caratteristiche nutrizionali, i livelli di omega 3, ad esempio, di cui sono ricchi questi semi, non varia. Il mio consiglio è di usarli “di tutti i colori” per rendere più ricca e varia la tua alimentazione.

    Ciao

  3. maria scrive:

    ciao Gra’.
    voglio farti i complimenti per lo splendido articolo sull’ esposizione solare.
    essendo nel settore, sono felice di leggere finalmente un’articolo dove si parla degli efffetti benefici e si consiglia di leggere attentamente l’etichetta dei prodotti.
    Anche io, conduco una battaglia, ogni giorno, per insegnare alle mie clienti, che la scelta di un prodotto deve essere condizionata dagli ingredienti e non dal marchio, dalle sostanze funzionali e non dal costo.
    e poi, sole naturale o artificiale, SI! ma con cautela e proteggersi sempre! grandi e piccini. un bacio e in bocca al lupo!

  4. Dai sicuramente degli ottimi consigli alle tue clienti, non è da tutti farlo….in genere chi ha un’attività pensa solo a vendere, punto!.

    Complimenti e continua così! 😉

    Grazie e a presto
    Ciao
    Graziella

  5. simona scrive:

    ciao! sono nuova! un sito interessante per prodotti naturali per mamma e bimbo che ha prodotti con principalmente semafori verdi secondo il biodizionario è http://www.fitocose.it/
    io non ho ancora acquistato perchè per ora non mi serve nulla ma appena ho finito le cose che ho comprerò lì!!!!!!!!!!!

  6. Ciao Simona,

    benvenuta e grazie della segnalazione! Anch’io conosco questo sito e condivido che ha ottimi prodotti.

    Buona giornata,
    Graziella

Lascia un commento

;