Iscriviti alla Newsletter Gratuita!

Riceverai i nuovi post e subito in regalo per te,
l'estratto della mia guida "Bellezza Secondo Natura"

Quali Sono gli Ingredienti Chimici da Evitare nei Prodotti per la Cura della Pelle

articolo pubblicato da il maggio 7, 2010

prodotti bellezzaAl giorno d’oggi la maggior parte di noi donne utilizza un’ampia varietà di prodotti per la cura della pelle. Questi prodotti includono detergenti, idratanti, tonici e shampoo e  potremmo usarli più volte al giorno per la maggior parte della nostra vita adulta.

Il gentil sesso ripone molta fiducia in questi prodotti ed è arrivato a spendere per essi delle cifre davvero incredibili.

 Ma ti prendi un po’ di tempo per leggere l’elenco degli ingredienti contenuti nei tuoi prodotti di bellezza?

Sai realmente che cosa stai usando e sai che potresti spalmarti sul tuo corpo ingredienti pericolosi per la tua persona?

Probabilmente la maggior parte di noi risponderebbe di no a queste domande. Forse credi che non potrebbero mai essere offerti sul mercato prodotti con ingredienti considerati poco sicuri.

Purtroppo però, sul mercato ci sono molti prodotti per la cura della pelle che contengono ingredienti pericolosi e la cui sicurezza è del tutto discutibile. Alcuni di questi ingredienti includono profumi sintetici, Sodio Laurilsolfato (SLS), Ftalati e Parabeni.

 Ma che cosa sono e perché dovrebbero essere evitati?

 I PARABENI sono conservanti che vengono aggiunti ai cosmetici per aumentare la loro durata. Ovviamente a noi non portano nessun beneficio, ma all’azienda produttrice sì. Infatti hanno su di noi degli effetti avversi, tra cui delle proprietà estrogeniche.  

Da alcuni studi effettuati su animali da laboratorio, in particolare di genere maschile, è risultato che l’applicazione continuata per un certo periodo di tempo ha avuto delle conseguenze anormali sui livelli ormonali. Si è anche rilevato che i parabeni si accumulano nel tessuto del seno delle donne affette da cancro alla mammella.  

 Gli FLATATI sono un  gruppo di composti chimici che sono generalmente usati come plastificanti (sostanze aggiunte ai materiali plastici per aumentarne la flessibilità). E’ veramente difficile immaginare che abbiamo bisogno di plastificatori nei prodotti per la cura della nostra pelle, eppure si possono trovare nei cosmetici, nei saponi ed in vari tipi di lozioni.

Notevoli quantità di ftalati negli studi condotti su animali hanno mostrato un attività a livello ormonale e sono risultati nocivi per il fegato, per i reni, per i polmoni e per i testicoli.

Il SODIO LAURILSOLFATO, in breve SLS è un ingrediente che conferisce la schiumosità a prodotti come shampoo o detergenti per il viso. Molte persone ritengono che la capacità di detergere sia direttamente proporzionale alla quantità di schiuma prodotta, quindi le aziende utilizzano il Sodio Laurilsolfato per dare a noi consumatori l’impressione che un detergente sia davvero efficace.

In realtà è risaputo che questa sostanza irrita la pelle e quando le aziende devono testare nuove creme o pomate lenitive, è proprio il Sodio Laurilsolfato che sfregano sulla pelle per irritarla, in modo da poter verificare quanto il loro nuovo prodotto sia efficace per lenire l’infiammazione.  🙁

Secondo l’Istituto Americano di Tossicologia questo composto può penetrare negli occhi, nel cervello, nel cuore e nel fegato, con potenziali effetti nocivi. Può causare eruzioni cutanee, eczemi ed altre irritazioni della pelle.

Ancora più sconvolgente è il fatto che alcuni prodotti che contengono questo ingrediente sono classificati come “naturali” o biologici poiché il Sodio Laurilsolfato è un detergente derivato dall’olio di cocco.

I profumi o le fragranze sintetiche possono contenere centinaia di prodotti chimici. Alcuni, come il cloruro di metilene, sono cancerogeni ed altri possono causare cefalee, vertigini, tosse, vomito ed irritazioni cutanee.

 Questi ingredienti quasi mai risultano benefici o comunque appropriati per i bisogni della nostra pelle.

Quindi cosa puoi fare per evitare tali ingredienti pericolosi?

Prima di tutto leggi attentamente la lista delle componenti sulle etichette e fai qualche ricerca su internet a proposito dei loro effetti negativi. Prima di usarli sulla tua pelle scopri che cosa sono e cosa fanno esattamente. Successivamente cerca di trovare aziende affidabili che offrano prodotti biologici e naturali al 100%.

Questa potrebbe essere un’impresa ardua, dal momento che nella maggior parte dei Paesi non esiste una regolamentazione per i prodotti biologici per il corpo e per il bagno. Chiedi anche in giro e vedrai che alla fine riuscirai ad identificare aziende serie che utilizzano ingredienti sicuri.

Infine prova a fare in casa alcuni dei tuoi prodotti di bellezza. Quando sei tu stessa a creare cose per te sai perfettamente che cosa ci metti dentro e ti sentirai perfettamente a tuo agio sapendo che sono sicure.

Se vuoi ricevere un ebook gratuito pieno di ricette per la cura della tua bellezza da farti da sola, iscriviti alla newsletter di NaturalmenteMamma e potrai subito scaricarlo!. Questo è davvero un ottimo modo di sapere cosa c’è dentro a ciò che ti spalmi addosso!  😉

Alla tua bellezza,

Graziella

Ecco cosa ti consiglio

Come Farti a Casa il Dentifricio ed il Colluttorio
10 Suggerimenti per una Cura più Naturale della Pelle
Crema Cambio Pannolino Naturale: Ricetta Fai da Te
Come Fare un Burro Solido per il Corpo: Ricetta Fai da Te
Balsamo Labbra al Cocco Fai da Te
Deodorante all'Olio di Cocco Fai da Te

Comments (6)

 

  1. eufemia scrive:

    Ciao Graziella!…sto cercando di lavorare al meglio per metter in pratica i tuoi suggerimenti,anche se a volte mi demoralizzo un pò…a volte proprio mi dico:è impossibile!specialmente quando sprechiamo la roba biologica,che ahimè, purtroppo qui pago caissima…Questa è una bella impresa,ma ce la metterò tutta!!!..per il bene della mia famiglia e del pianeta!!!
    ps.Ho provato lo shampoo fatto con bicarbonato,acqua calda e un goccio di essenza al rosmarino…ma sinceramente l’effetto è durato poco,e comunque ho fatto molta fatica,specialmente a spazzolare i capelli(forse perchè ho capelli ricci tendenti al crespo?).
    Ancora una cosa:mia cognata tra pochi giorni avrà un secondo parto e ci chiedevamo cosa potesse usare sui capezzoli per evitare,prevenire e curare le ragadi,che al primo figlio non le hanno permesso di proseguire l’allattamnento…Con l’esperienza ho capito che è molto importante la posizione della bocca del piccolo…io non ho mai sofferto di ragadi(solo di leggeri ingorghi mammari che scioglievo con imacchi di acqua calda)…
    Mamma mia,che voglia di avere un altro piccolino che fai venire leggendo i tuoi articoli!!!Complimenti,come sempre ti seguo appena posso!EUFEMIA.

  2. Brava Eufemia, il tuo atteggiamento è quello giusto: mettercela tutta, sempre e comunque!. Io non ambisco ad essere una mamma perfetta (devono ancora inventarla…), ma ambisco sicuramente a fare del mio meglio per la mia famiglia e per il pianeta!. Piccoli passi che portano a grandi risultati, non mollare…. 😉

    Per quanto riguarda lo shampoo, con me funziona bene il bicarbonato (però ho i capelli esattamente al tuo opposto – lisci come spaghetti!).

    Invece per tua cognata (alla quale faccio tanti auguri!), consiglio per pre-trattare il capezzolo di usare dell’olio di mandorle dolci (possibilmente spremuto a freddo), che aiuta la pelle del seno ad essere più elastica; invece dopo la nascita del suo bambino, la cosa veramente importante (come dicevi anche tu),è imparare BENE ad attaccarlo al seno e quindi, per questo, dovrebbe farsi aiutare e supportare bene in ospedale da qualche brava ostetrica, o comunque trovare dopo il ritorno a casa un valido supporto, in modo da evitare, in caso di problemi, di dover interrompere l’allattamento come per il primo figlio.

    Altri consigli: * Tenere il capezzolo asciutto tra una poppata e l’altra. Meglio evitare le coppette assorbilatte, ma dei pezzetti di “vero” cotone sono da preferire.
    * Proteggere il capezzolo dallo sfregamento contro gli abiti.
    * Evitare di detergere il seno con troppa frequenza. Soprattutto ridurre l’uso di saponi e detergenti. Se compare qualche microtaglietto, un pò di saliva o del residuo di latte può aiutare a cicatrizzare.

    Spero di esservi stata utile.

    Graziella

  3. eufemia scrive:

    Eh si…infatti anche io non ho mai usato quelle orribili coppette,nè tantomeno lavato i capezzoli con prodotti…spremevo un pò di latte..et volià,anzi se potevo lasciare il seno scoperto davo in questo modo il tempo di asiugarsi da una poppata da un seno all’altro e per asciugare specie di notte le piccole perdite di latte utilizzavo le famose pezze in cotone che utlizzava mia madre da ragazza al posto degli assorbenti igienici…Non sapevo però della saliva?!?…ma a pensarci bene,è vero…gli animali la usano per leccarsi le ferite!!!
    Ti farò sapere di come andrà il suo allattamento;grazie ancora!!! EUFEMIA

  4. Valentina scrive:

    Ciao Graziella,mi chiamo Valentina,potresti gentilmente elencare tutti gli ingredienti che NON dovrebbe avere uno shampoo?Grazie infinite!!!

  5. Ciao Valentina,

    dato che la tua domanda merita una risposta più completa possibile, ho pensato di metterti il link ad un servizio italiano, dove puoi inserire l’ingrediente che vuoi sapere che grado di nocività ha oppure se è ok, ed avere una risposta immediata.

    Considera che gli ingredienti menzionati nell’articolo sono già una buona base di partenza, ma ci possono essere shampoo, piuttosto che creme o altri prodotti cosmetici che possono avere 20/30 sostanze chimiche dannose in una volta sola. Bisogna davvero prestare molta attenzione a ciò che ci si spalma addosso!.

    Quindi, ecco il link: Biodizionario.it

    Inoltre ti dò il link ad un’altra risorsa interessante, e cioè una guida messa a disposizione da GreenPeace dove puoi scoprire quali produttori e quali marche sono sicuri e quali invece contengono ingredienti chimici dannosi.

    Ecco il link: Guida GreenPeace

    Ti ringrazio per questa domanda molto utile per tutte e inoltre mi hai dato l’idea di creare una sezione del sito dove raggruppare queste risorse utili che possono davvero essere d’aiuto.

    Spero di esserti stata utile…fammi sapere.

    A presto,
    Graziella

  6. ANTONELLA scrive:

    GRAZIELLA HO LETTO ATTENTAMENTE I TUOI CONSIGLI.
    INFATTI DA QUANTO USO I PRODOTTI YVES ROCHER SONO TUTTI PRODOTTI NATURALI.
    IO CONOSCIUTO QUESTA MARCA PROPRIO PERCHE’ STAVO CERCANDO PRODOTTI NATURALI ED HO TROVATO PRODOTTI NATURALI PER OGNI ESIGENZA ALCUNI SENZA SLS E PARABENI. HO CONTROLLATI I COMPONENTI DEI PRODOTTI SUL BIODIZIONARIO E SONO BUONI.
    SONO DIVENTATA PROMOTRICE DI QUESTA LINEA LA USO PER TUTTA LA FAMIGLIA E MI E’ ANCHE RICHIESTA DA DIVERSE PERSONE. MI PUOI FARE UN PO’ DI PUBBLICITA’ SULLA TUA RUBRICA.PER INFO ANTONELLA 3283830700 paolag78_2010@libero.it

    SALUTI

    ANTONELLA

Lascia un commento

;